Sappiamo che ricevere una fattura a fronte di un servizio erogato da un professionista significa diventare sostituti d'imposta. Altresì, molto spesso ci vengono anche addebitati una quota di contributi previdenziali (caratteristiche della categoria professionale del professionista) che vanno ad aumentare il costo del servizio che ci è stato erogato.

Prendiamo di esempio la seguente fattura ricevuta:

vediamo che è stato calcolato un contributo previdenziale del 5% che va ad aumentare la base imponibile dell'iva. Vediamo altresì, che sul valore del compenso, al netto quindi di tale contributo, viene calcolata la ritenuta d'acconto (1040).

La configurazione della ritenuta all'interno dell'anagrafica del fornitore, al fine di ottenere in automatico, in fase di inserimento della fattura, i corretti calcoli dovrà essere la seguente:

Nella seguente immagine vediamo l'inserimento della fattura di acquisto (parcella) di cui sopra:

si noti come l’imponibile sia dettato da i costi sommati all'importo del contributo previdenziale calcolato (campi in giallo).

Si noti come invece l’importo della ritenuta venga utilizzato per determinare il “Totale dovuto” che è dato dal totale documento a cui viene detratto l’importo ritenuta.

NB.- è possibile associare al prodotto “Spese anticipate per vostro conto” una ritenuta che non calcola ritenuta al fine di evitare il calcolo ritenuta. Tuttavia, la prassi più veloce è quella di azzerare i vari importi calcolati (nel caso fosse necessario) di volta in volta in fase di inserimento.

La registrazione contabile fattura:

la registrazione contabile pagamento che vede rilevato la ritenuta:

Hai trovato la risposta?